6 autori - 6 libri - 6 tappe

della poesia italiana contemporanea

Tornano gli incontri del lunedì del CentroScritture con una proposta volta a ripercorrere la storia recente della poesia italiana contemporanea attraverso sei libri esemplari, che al contempo segnano il culmine di modi e stili diversi, rappresentativi di altrettante correnti della scrittura poetica novecentesca e di inizio millennio, e aprono a possibilità umane e letterarie ancora in gran parte da esplorare. Per alcuni dei sei autori scelti, tutti scomparsi negli ultimi due decenni, si danno quest'anno ricorrenze importanti: Variazioni belliche, testo di esordio di Amelia Rosselli, è stato appena ripubblicato da Garzanti, suo storico editore; di Giovanni Giudici, Andrea Zanzotto e Giuliano Mesa ricorrono i dieci anni dalla morte; e soltanto un anno fa veniva a mancare, dopo una lunga degenza, il friulano Mario Benedetti. Non può esserci allora occasione migliore per tornare ad ascoltare la loro parola, riprendendo in mano testi di straordinario valore per la migliore cultura italiana, analizzandone a fondo la struttura e la poetica, lasciandoci accompagnare in un percorso impervio e suggestivo per fare luce sulle potenzialità inaudite della poesia. 

È ancora possibile iscriversi al corso senza perdere nulla, accedendo alla registrazione delle lezioni già svolte direttamente sul sito e seguendo in diretta i prossimi incontri. Per informazioni scrivere a info@centroscritture.it.

10 maggio

Variazioni belliche (1964)

di Amelia Rosselli

È il primo libro dell’autrice, ed esce – dirompente – in un periodo di grandi innovazioni in tutti i campi della cultura: letterario, artistico, musicale. Variazioni belliche raccoglie testi composti tra il 1959 e il 1961, e il notevole scritto teorico Spazi metrici, illuminante per tutta l’opera di Rosselli, anche successiva. I suoi versi, apprezzati da Pasolini, che aveva formulato per questa scrittura una sorta di “teoria del lapsus” (relativa alle deviazioni dalla norma stilistica), tratteggiano o meglio incidono in modo assolutamente singolare, idiomatico e memorabile un’identità sofferente, anche attingendo a modi di straniamento di matrice surrealista.

Amelia Rosselli (1930-1996)

con Valerio Massaroni

17 maggio

La vita in versi (1965)

di Giovanni Giudici

Un esordio in volume, questo di Giudici, che segna il riaffiorare del discorso personale e quotidiano in poesia, dopo la stagione della neoavanguardia (anzi, per certi aspetti ancora nel pieno di quel clima). Come scrive Franco Fortini, «fra amarezza e impotenza, elementi cattolici, ribellismi anarcoidi e socialistici, cadenze populiste», Giudici riprende e rielabora con «respiro narrativo» un modo “umile” e ironico che era già tratto costitutivo della poesia di Guido Gozzano.

con Valerio Massaroni

Giovanni%2520Giudici_edited_edited.jpg

Giovanni Giudici (1924-2011)

Andrea%20Zanzotto_edited.jpg

24 maggio

La beltà (1968)

di Andrea Zanzotto

Andrea Zanzotto (1921-2011)

Dopo l’esordio del 1951, che segnalava nella sua poesia la ricorrenza voluta di forme ermetiche, Zanzotto attraversa e testualizza nei libri successivi un progressivo disfarsi dell’io e del linguaggio. Fino alle due svolte segnate da IX Ecloghe e poi – appunto – da La beltà, libro in cui «il significante non è più collegato a un significato» (come scriveva Stefano Agosti, citato da Pier Vincenzo Mengaldo), e le frasi e le parole – alcune addirittura in forma di petèl, ossia di linguaggio infantile – diventano immediati calchi dei movimenti dell’inconscio.

con Giovanna Frene

31 maggio

Blackout (1980)

di Nanni Balestrini

Nanni Balestrini (1935-2019)

Negli anni, la procedura di composizione del testo in Balestrini è sempre stata legata all'uso del frammento, a radicali spezzature sintattiche, e in particolare all’impiego di materiali riportati, citati, secondo opzioni di montaggio, ripetizione, taglio e collage che non fanno eccezione in Blackout. Questo libro ha tuttavia un'importanza tematica cruciale: si confronta con le delusioni politiche devastanti che marcano la fine degli anni Settanta. Raramente un titolo fu più pertinente.

con Valerio Massaroni

Mesa.jpg

Giuliano Mesa (1957-2011)

7 giugno

Tiresia (2001)

di Giuliano Mesa

Il poemetto, uno dei testi di Mesa più intensi e influenti (soprattutto sulle generazioni successive), nasce nel 2000-2001 e compare inizialmente come legato alla musica di Agostino Di Scipio e agli interventi artistici di Matias Guerra, per poi essere pubblicato in volume da La Camera Verde nel 2008. È costituito da due tipi di testi: “oracoli” e “riflessi”. Cinque i primi e sette i secondi. I primi si confrontano con cinque esempi di orrori della storia, usando un linguaggio teso e quasi espressionistico; i secondi riflettono su quanto detto negli “oracoli” e su quanto è possibile dire, e fare, storicamente, realmente – nella prospettiva di un’etica della scrittura che è la costante di tutta l’opera di Mesa.

con Marco Giovenale

14 giugno

Umana gloria (2004)

di Mario Benedetti

Mario Benedetti (1955-2020)

con Maria Borio

Umana gloria raccoglie materiali che Benedetti aveva pubblicato in riviste, libretti e plaquettes dal 1982, e rappresenta dunque un ritratto fedele dei primi vent’anni di sua produzione. Espone, come scrive Stefano Dal Bianco, «le istanze dell’esistenza contro le istanze della storia», con sguardo freddo e insieme umanissimo, quasi infantile, «la volontà di parlare a nome dei morti e dei non ancora nati», e con la coscienza che non esiste «un centro cui ancorarsi e non c’è nulla che assomigli a una certezza, in primo luogo sulla consistenza del proprio sé».

 

Le lezioni inizieranno alle ore 18 e avranno una durata di 90 minuti.

Si terranno sulla piattaforma online Zoom

Basterà scaricare gratuitamente Zoom e accedere alle lezioni cliccando sul link che verrà fornito all'iscrizione.

La registrazione delle lezioni sarà comunque resa disponibile agli iscritti che non potranno frequentare. 

Il costo per tutte le lezioni (non acquistabili singolarmente) è di 50 euro. 

Al contributo per il corso si aggiungono 5 euro valide come quota associativa per l'iscrizione al CentroScritture. 

La quota associativa di durata annuale consentirà agli associati, oltre all'accesso ai corsi e al progetto editoriale, la partecipazione agli eventi e ai seminari a loro riservati, la condivisione delle iniziative del centro e l'invito ad incontri fisici, nei limiti delle norme anti-Covid, con i soci, gli organizzatori e i docenti dell'associazione.    

Per informazioni sull'ASSOCIAZIONE clicca qui.

Scopri di più

sull'organizzazione del CentroScritture,

su come e perché associarsi e partecipare

Scopri

l'evento-seminario

"Adriano Spatola e la poesia totale"

riservato ai soci

La poesia è sempre più di attualità perché rappresenta il massimo della speranza, dell'anelito dell'uomo verso il mondo superiore.

- Andrea Zanzotto